Sottotitolazione ecc.

Questa pagina serve a presentare l'argomento su sottotitolazione, traduzione e accessibilità dei video annunciato da Andreas Formiconi in Perfezionamento dei prossimi passi dopo l’ultima riunione onlineil 24 dicembre 2011.
Come introduzione, vedete il Tutorial sottotitoli di Andreas:

(questo tutorial cita un video sottotitolato ma non è egli stesso sottotitolato. La versione completamente sottotitolata si trova in
http://www.universalsubtitles.org/it/videos/jE7tupBYOC8q/ , con trascrizione interattiva, però un po' diversa di quella YouTube descritta da Andreas a partire da 1:34, in quanto non scorre assieme al video, ma consente soltanto di farlo partire da un punto dato)
Un po' più nei dettagli:

Forme e finalità

La sottotitolazione ha diverse forme e finalità.
C'è una prima differenza puramente formale tra Open Captioning, che sono i sottotitoli "incrostati" direttamente nel video utilizzando un programma di editing video, e Closed Captioning [1] , dove i sottotitoli stanno in un file di testo con codici temporali per segnare l'inizio e la fine di ogni sottotitolo, che sincronizza quel file con il video al quale è abbinato.
  1. Il Closed Captioning è più facile da realizzare, anche in modo collaborativo e, essendo testuale, presenta altri vantaggi: traduzione facilitata, reperibilità da parte dei motori di ricerca ecc. Quindi è su quello che mi concentrerò qui.
  2. L'Open Captioning tuttavia consente usi più creativi dei sottotitoli: vedi ad esempio Donnie McClurkin: We Fall Down, But We Get Up- Subtitled e gli altri video similmente sottotitolati "a karaoke" del canale YouTube zwgm, creati da Greg McCall con i suoi studenti per migliorarne la capacità di lettura. Possono anche essere molto utili per chi impara l'inglese e - nel caso dei video musicali - rendono molto meglio a livello visivo quel che avviene nella musica di quanto non possa fare il closed captioning. Però non ne sono pratica [2] .
    .
Inoltre, si fà di solito una distinizione basata sulla finalità dei sottotitoli: quelli che servono alla produzione di altri sottotitoli tradotti in altre lingue trascrivono solo il contenuto verbale, mentre quelli destinati ai sordi descrivono anche eventi uditivi non verbali (musica di sfondo, rumori pertinenti ecc) [3] .



Strumenti

Con Zehavit Ehre abbiamo preparato una lista di strumenti di sottotitolazione online con descrizioni in un foglio di lavoro Google: Online captioning tools. In modo più discorsivo:

Caratteristiche comuni

Esistono diversi strumenti per produrre sottotitoli in closed captioning: alcuni sono desktop (da installare sul computer), altri sono online (utilizzabili con qualsiasi browser su qualsiasi computer). Tutti si presentano con:
  • un player per il video
  • una casella per scrivere i sottotitoli
  • pulsanti (spesso con codici tastiera alternativi) per andare avanti e indietro nel video, per segnare l'inizio e la fine di ogni sottotitolo
Inoltre, tutti consentono di esportare i sottotitoli come file di testo con i codici temporali per i sottotitoli che ne consentono la sincronizzazione con il video, e di solito di importare tali file per modificarli.
Infine, la maggior parte di essi[4] offrono anche un'interfaccia per tradurre in altre lingue i primi sottotitoli creati in lingua originale: ogni sottotiolo esistente è seguito da una casella dove scrivere la traduzione.
Visto che queste modifiche si possono anche fare con un semplice editore di testo, tutti gli strumenti di sottotitolazione - online e desktop - consentono la collaborazione, poiché i file di sottotitoli si possono anche condividere, ad es. come allegati e-mail. Ma vedi sotto:

Differenze

Sono le differenze tra questi strumenti a determinare, di volta in volta, quello più idoneo per la sottotitolazione di un dato video. Per sottotitolare in collaborazione, sono più comodi gli strumenti online dove tutti possono seguire il progresso del lavoro ed evitare i doppioni. Per semplificare, qui presento solo due applicazioni web gratuite con le quali si può facilmente collaborare sia alla prima sottotitolazione sia alle sue traduzioni in altre lingue: DotSUB e Universal Subtitles. Differenze principali:
  • DotSUB consente di caricare video dal computer o di importarli da un video esistente (ma l'importazione non funziona sempre), mentre con Universal Subtitles si possono soltanto importare video già pubblicati online.
  • Il sito di DotSUB è solo in inglese; quello di Universal Subtitles è parzialmente tradotto da volontari in altre lingue, tra cui l'italiano; tuttavia l'interfaccia dell'applicazione stessa non è ancora tradotta;
  • Per la prima sottotitolazione in lingua originale, con DotSUB, si indicano i codici temporali man mano che si trascrive l'audio; con Universal Subtitles, prima si trascrive, poi si aggiungono i codici temporali (poi si rilegge, volendo).
  • Con DotSUB, la lunghezza massima dei video è di 25 minuti: con Universal Subtitles questa lunghezza è illimitata.
  • Con DotSUB si possono specificare vari livelli di privilegi per vari tipi di utenti; non è possibile con Universal Subtitles [5] .
  • Con DotSUB non si può cominciare a tradurre in altre lingue i sottotitoli in lingua originale prima che essi siano completati; con Universal Subtitles, sì.
  • DotSUB taglia i sottotitoli dopo un dato numero di caratteri; anche Universal Subtitles, però lì si può allungare un sottotitolo decretato finito dal software, modificandolo.
  • È più facile aggiungere un sottotitolo intermedio con Universal Subtitles che con DotSUB.
  • Esportazione dei sottotitoli come file di testo: oltre ai formati con codici temporali offerti da DotSUB, Universal Subtitles permette di esportare i sottotitoli senza codici temporali (comodo se si vuole anche offrire una trascrizione testuale).
  • Universal Subtitles conserva tutte le versioni di una sottotitolazione, a mo' di wiki. DotSUB no.



Altri usi possibili

Abbiamo visto che gli strumenti di sottotitolazione consentono di produrre un file di testo con indicazioni temporali dell'inizio e della fine di ogni sottotitolo, e che queste indicazioni temporali sincronizzano i sottotitoli con il video.

Altri testi sincronizzati

Però possiamo scrivere quel che vogliamo nella casella di testo prevista per scrivere i sottotitoli. Invece di trascrivervi l'audio, possiamo ad esempio:
  • prendere semplici appunti come si farebbe in un corso faccia a faccia;
  • segnare solo alcune parti del video da tenere per montarne poi una versione più breve, o presentarne degli estratti;
  • descrivere i contenuti visivi necessari alla comprensione, cioè preparare delle audio descrizioni per gli utenti ciechi (vedi Audiodescription su questo wiki);
ecc.: il risultato sarà che potremo esportare quel che abbiamo scritto in un file con indicazioni temporali.
Però nel caso di un applicazione di sottotitolazione collaborativa, è bene non squattare la traccia di una lingua che potrebbe servire ad altri per produrre sottotitoli in quella lingua. Di solito spiego quel che sto facendo in un primo pseudo sottotitolo di durata brevissima, e uso la traccia "Inglese GB" visto che comunque, c'è anche una traccia "Inglese" tout court (cioè inglese US): vedi http://www.universalsubtitles.org/en/videos/j1D8ygYyeT58/en-gb/143902/. Ed esporto regolarmente quel che ho scritto, nel caso che qualche USofobo tenga assolutamente a sottotitolare in inglese britannico.

Traduzione di testi normali

Nel 2009, in Collaborative Text Translation with DotSUB, avevo spiegato come si potrebbe usare la funzione di traduzione dei sottotitoli di DotSUB per tradurre collaborativamente un testo normale in più lingue, conservando sempre il testo originale, suddiviso in falsi sottotitoli, tramite l'uso di un "falso video" che serve soltanto a poter usare l'applicazione.
Si può fare la stessa cosa con Universal Subtitles, e più comodamente, visto che consente anche di fare "sottotitoli" più lunghi e di esportare il lavoro in un file .txt senza codici temporali. Però siccome, a differenza di DotSUB, non vi si può caricare direttamente un video, bisogna prima caricare il falso video altrove, ad es. su youtube, blip, vimeo ecc. Su YouTube, ne ho caricato uno di 21:20 e uno di 1:46:39 [6] ve ne potete fare delle copie usando il pulsante "Crea un remix del video".



Proposte di esercitazioni

Per ogni proposta suggerisco un oggetto esistente, però ovviamente potete usarne altri. È più interessante e divertente fare queste attività assieme ad altri, ma si possono anche fare da soli.

Traduzione di sottotitoli esistenti

Tradurre sottotitoli esistenti è più semplice, tecnicamente, che creare i primi sottotitoli nella lingua del video, perché non c'è da aggiungere le indicazioni temporali.
Il video "Richard Stallman, A Free Digital Society (© cc-by-nd)" è già stato sottitolato in inglese, francese e greco in
http://www.universalsubtitles.org/en/videos/ECrjrjPec2GO/ . In teoria non si sarebbe potuto, per via della clausola "nd", cioè non opere derivate, della licenza: la traduzione è un'opera derivata.
Però siccome esiste già una traduzione italiana ufficiale del testo della conferenza, fatta da Roberta Ranzani e Alessandro Polvani (come ha spiegato Roberta nel commento 34al post Compito IUL 3: usare feed -> non solo blog … di Andreas), si potrebbe usare quella traduzione per produrre i sottotitoli in italiano; un lavoro di copia-incolla magari un po' noioso, ma utile per scoprire lo strumento.
Altri video sui quali esercitarvi:
  1. Scegliete un video YouTube che vi piaccia e che sia già sottotitolato [7] in una lingua originale che conoscete.
  2. dopo esservi fatti un account Universal Subtitles e aver fatto il log-in. andate a http://www.universalsubtitles.org/en/videos/create/ , inserite l'URL del video scelto e cliccate Inizia.
  3. Universal Subtitles importerà non solo il video, ma anche i sottotitoli in closed captioning esistenti. A volte ci vuole un po' di più per i sottotitoli e bisogna fare "refresh" nel browser.
  4. Cliccate su "+Aggiungi traduzione" nel menù di sinistra
  5. Nella finestrina di dialogo che si apre, indicate la lingua nella quale e la lingua dalla quale volete tradurre, poi cliccate "Continue": si apre l'interfaccia di traduzione
L'interfaccia di traduzione di DotSUB è molto simile, quindi non mi dilungo.

Creare sottotitoli CC

Se non avete mai creato da zero sottotitoli in closed captioning, vi propongo di farlo uno dei video del canale YouTube zwgm (già menzionati in Forma e finalità): sono già sottotitolati, ma in Open Captioning, quindi da una parte questo non conta come prima sottotitolazione in Closed Captioning, però dall'altra, vi dà lo stesso i testi dei sottotitoli con la loro durata: vi basterà trascriverli e inserire i codici temporali. Suggerisco che lo facciate sia con Universal Subtitles sia con DotSUB, per vedere quale sistema preferite.Scegliete un video dove non ci siano sovrapposizioni di voce, perché le applicazioni online di Closed Captioning non permettono di rendere le sovrapposizioni.

Con Universal Subtitles

(Vedi la pagina delle catture di schermo spiegate)
Dopo aver creato un account e fatto il login:
  1. Importate il video in Universal Subtitles come al punto 2 sopra.
  2. Cliccate su "Crea dei sottotitoli!"
  3. Nella finestrina di dialogo, indicate la lingua dei vostri sottotitoli e create Enter: si apre la pagina di trascrizione.
  4. Trascrivete o traducete i sottotitoli esistenti.
  5. Quando avete finito, cliccate su "Done? Next step Synching"
  6. Sincronizzate i vostri sottotitoli o seguendo le istruzioni (premere freccia in giù per far iniziare il sottotitolo successivo) o, se non funziona (non riesco a farlo con i Mac con i quali ho provato), fermando il video poi trascinando il bordo sinistro del sottotitolo successivo fino al punto dove si è fermato il video.
  7. Cliccate su "Done? Next step: Reviewing" per controllare il lavoro, poi su "Submit subtitles"
  8. Nella finestrina di dialogo scegliete "These subtitles cover the entire video" se i sottotitoli coprono tutto il video.

Con DotSUB

Dopo aver creato un account e fatto il login:
  1. Cliccate sul pulsante giallo Upload your video and begin subtitling
  2. Riempite i campi e sceliete tra le opzioni proposte fino a "Make this video public" come vi pare
  3. Scegliete "Create from existing Internet address" e immettete l'URL del video scelto
  4. Premete "Upload": arriverete alla pagina "My videos" che vi dirà di aspettare mentre il video viene elaborato, e che riceverete un e-mail quando sarà pronto.
  5. Se non è pronto dopo 1 ora o se ricevete un messaggio di elaborazione è fallita, lasciate perdere e usate Universal Subtitles. Se funziona,
  6. Cliccate sul link del messaggio per andare alla pagina del video
  7. Sotto "Translate and Transcribe", cliccate su "Transcribe Video".
  8. Trascrivete il video: la differenza con Universal Subtitles è che si indicano l'inizio e la fine di ogni sottotitolo mentre si trascrive, e che i sottotitoli vengono automaticamente salvati quando si passa a quello successivo.
  9. Se vi dovete interrompere, cliccate su "Go Back to Video Page" nel menù di navigazione per tornare alla modalità visualizzazione del video, dalla quale potrete tornare all'editing della sottotitolazione quando vorrete.
  10. Quando avete finito, cliccate su "Mark this transcription as complete" (il software dirà che è un passo irreversibile, ma non è vero).

Altri testi sincronizzati

Cioè presa di appunti, segnare segmenti di un video per prepararne l'editing, prepare descrizioni audio dei contenuti visivi. Dopo aver scelto il video e averlo caricato nella piattaforma di sottotitolazione se non c'è già:

Con Universal Subtitles

  1. Create una nuova traduzione in "English, British" (tanto, gli altri possono usare l'inglese tout court per sottotitolare in inglese)
  2. Nella pagina di traduzione, cliccate su "Change subtitle timing (advanced users)". Ignorate la messa in guardia che apparirà, cioè cliccate Continue.
  3. Arriverete a un'interfaccia come quella per creare sottotitoli, ma con un mucchio di sottotitoli vuoti sotto la casella per scrivere. Per eliminarli,
  4. Cliccate su "Restart this step" e cliccate su OK nella messa in guardia che vi dice che questo cancellerà tutti i sottotitoli
  5. Scrivete i vostri appunti ecc, Però visto che la sincronizzazione avviene in un secondo tempo, durante la fase trascrizione, indicate anche il momento in cui ogni parte del vostro scritto deve comparire (tipo 2:33)
  6. Come per la creazione di sottotitoli, sincronizzate e se del caso rivedete, poi sottoponete il vostro lavoro
  7. Riportati nella sottopagina info del video, cliccate su English, British e cliccate su Download per scaricare il vostro lavoro: come .srt o .sbv se volete i codici temporali, come .txt se non li volete

Con DotSUB

DotSUB non permette di ri-sincronizzare le traduzioni. Quindi dovrete creare una nuova pagina di sottotitolazione per il video e far finta che sia in una lingua inesistente: scelgo di solito Hindo-European. Poi proseguite come se fosse una prima sottotitolazione. Quando avete finito, tornati nella pagina "visualizzazione", scaricate i vostri sottotitoli - come con Universal Subtitles, salvo che non c'è l'opzione .txt senza codici temporali.

Video utilizzabili per queste attività

ad esempio:
>
>



Discussione informale

tra Andreas e me (Claude cioè - calmansi calmansi Jan 10, 2012), per ora: potete parteciparvi anche voi, se volete. Oppure potete usare la scheda Discussioni di questa pagina, adesso contrassegnata con un pulsante con 2 fumetti grigi, a destra del titolo principale)

Andreas

Oh cielo! Ma io posso editare qui dentro! M'è caduto l'occhio su Edit e allora non resisto ... :-)
Poi mi cancelli, ormai scrivo qui.
Letto, Ottimo. Ho provato in questi giorni a sottotitolare una cosa con Universal Subtitles, il video che avevi segnalato tu, di Peter Martischka,
http://www.universalsubtitles.org/en/videos/AL7wQtpnjILk/
Mi è piaciuto più di DotSUB.
Domani dovrei riuscire a pubblicare un altro post, o domani l'altro, poi mi fermo per qualche giorno.
Ciao Claude
Oh cancellami subito :-)

Claude

Ciao Andreas aka "guest (83.147.97.165)": ti ho riconosciuto per via della sottotitolazione del video di Martischka. Col cavolo che ti cancello! Tra poco continuo questa pagina.
  1. ^ Vedi http://en.wikipedia.org/wiki/Closed_captioning .
  2. ^ Beh, nel 2006 avevo usato iMovie per una sottotitolazione Open Captioning ironica del video di presentazione del concorso svizzero "Cavaliere della Comunicazione" - vedi http://www.youtube.com/watch?v=pW4RZwzJL4E - ma ci avevo messo ore per 1:43 di video, quindi ho lasciato perdere quando ho scoperto il Closed Captioning.
  3. ^ Questa distinzione avrà forse un senso in TV o al cinema, dove lo spettatore deve subire passivamente l'erogazione dei sottotitoli, e quindi è meglio mantenerli brevi. Però nel caso di DVD o di video online dove i sottotitoli si possono attivare e disattivare in ogni momento, perché mai un sordo che non sa la lingua originale dovrebbe essere privato dalle descrizioni degli eventi uditivi nei sottotitoli proposti nella sua lingua?
  4. ^ Non tutti: ad esempio Overstream e Subtitle Horse non offrono questa interfaccia per la traduzione, anche se lì, è possibile esportare una prima volta i sottotitoli in lingua originale, poi tradurli e ri-esportare i sottotitoli tradotti con un altro nome
  5. ^ non nella versione gratuita: è possibile invece con i servizi a pagamento di Universal Subtitles.
  6. ^ Vi risparmio gli embed :D
  7. ^ Su YT, i video già sottotitolati hanno un simbolo CC in un piccolo schermo nella descrizione